pH detergente intimo: come sceglierlo correttamente

Condividi Facebook Twitter

Scopri come scegliere il pH del tuo detergente intimo e le sue caratteristiche per avere sollievo e freschezza durature.

Molto spesso ci si trova a confrontarsi con il concetto di pH, sia per la scelta dei prodotti per la detersione quotidiana che, in particolare, per i cosmetici dedicati all’igiene intima. Per fare una scelta consapevole è essenziale quindi che tu conosca i segreti del pH intimo e che capisca come esso possa cambiare nel tempo. Solo così puoi imparare a scegliere il giusto pH per il tuo detergente intimo.

Come cambia il pH intimo di una donna nel corso del tempo?

Se nell’infanzia di una donna il pH vaginale si attesta attorno alla neutralità, durante l’età fertile questo diventa leggermente acido raggiungendo valori intorno al 4. Un ambiente vaginale acido è infatti la prima essenziale barriera che l’organismo mette in campo per contrastare gli attacchi da parte dei patogeni e deve essere mantenuto quanto più possibile stabile anche grazie all’uso di detergenti intimi a pH acido, dal 3,5 al 5,5.

Il pH torna invece neutro durante il ciclo o la menopausa, causando un abbassamento delle difese fisiologiche, ma può anche trovarsi su valori alterati a causa di momenti di debolezza dell’organismo, infezioni intime, uso di farmaci, stress o altri fattori in grado di minare il benessere intimo.

Qual è quindi il detergente intimo più adatto a ogni tua specifica esigenza?

Secchezza, fastidi e pruriti: come scegliere il detergente intimo?

La secchezza intima è uno dei problemi più diffusi nell’universo femminile nonché quello in grado di causare più disagi: chi soffre di secchezza vaginale vede bruciori e irritazioni come disturbi all’ordine del giorno e necessità di qualche attenzione in più per contrastare il problema. In questo caso, la scelta migliore per l’igiene intima è quella di selezionare solamente detergenti in grado di rispettare il pH fisiologico dei genitali esterni, ovvero un prodotto tendente all’acidità e non troppo aggressivo.

Un’ottima idea è anche quella di utilizzare un detergente intimo idratante che, arricchito con sostanze emollienti di origine naturale, come il latte d’avena, possa idratare le mucose vaginali e offrire un piacevole sollievo dalla secchezza.

Sollievo e prevenzione in caso di infezioni intime

Come accennato, il pH del detergente intimo in età fertile dovrebbe essere leggermente acido, per non interferire con l’ambiente inospitale per i patogeni creato dai lattobacilli, i quali producono acido lattico e mantengono basso il valore del pH vaginale.

Ma cosa succede quando l’azione dei lattobacilli viene meno e l’ecosistema intimo viene intaccato? È possibile che microrganismi pericolosi, come batteri, germi o funghi, prendano il sopravvento, scatenando infezioni intime decisamente fastidiose, come ad esempio la candida. Quando questo capita è importante intervenire prontamente offrendo al corpo tutto ciò che gli occorre per ristabilire i suoi equilibri: a partire dalla scelta del detergente intimo più adatto, che in questo caso dovrà essere quanto più delicato e ben tollerato possibile, per non peggiorare una situazione già compromessa.

Da evitare sono quindi tutti i prodotti contenenti nelle loro formulazioni componenti aggressivi, profumazioni chimiche o altri ingredienti non necessari, privilegiando invece detergenti dal pH neutro ed estremamente delicati. Un’ottima idea è quella di scegliere un detergente intimo con antibatterico, come il tea tree oil, noto estratto dall’azione antibatterica, eccellente alleato anche nelle fasi di prevenzione delle infezioni intime.

Un concreto sollievo può venire anche dai detergenti intimi lenitivi, che possono offrire sollievo da bruciori e pruriti con l’impiego di ingredienti green come la calendula, rispettando però al contempo il pH intimo fisiologico.

Igiene e freschezza, anche per la pelle più sensibile

I detergenti intimi con pH leggermente acido sono estremamente ben tollerati dalle donne in età fertile e possono quindi essere utilizzati anche dai soggetti più sensibili. Per un’azione di pulizia completa ma delicata punta su detergenti intimi delicati che prevedano anche l’uso di estratti di origine 100% naturale, come l’acido lattico o la camomilla dalle note proprietà calmanti, protettive e antinfiammatorie.

Quando invece è la necessità di freschezza a farsi sentire, prova un detergente intimo rinfrescante con pH fisiologico e con l’aggiunta di ingredienti vegetali come l’aloe vera, dalle straordinarie proprietà lenitive, rinfrescanti, idratanti ed emollienti: un tocco di benessere quotidiano, nella tua igiene intima.

Igiene Intima Delicato

Scopri